[ Ott 06, 14:22 ] 104.5: youtube.com/watch?v=dJWnnDE4Fmg
[ Set 30, 16:53 ] beppe: Yuhuu!!!
Area Recensioni

Family Journal -> Concerti Eventi e co -> 21/3/09 Ac-Dc Milano [ Cerca ]

21/3/09 Ac-Dc Milano 
zoom
Titolo 21/3/09 Ac-Dc Milano
Descrizione storie di r'n'r
Inviata da nico90

Due date attesissime quelle degli Ac Dc a Milano, rispettivamente 19/3 e 21/3 di marzo (entrambe sold out) . Un nome, una garanzia ormai da molti anni nel mondo del rock, quindici album e decine di storici live come quello a Donington del ’91 e No Bull. Questa volta i cinque rockers australiani portano in tour una ottima band, The Answer, freschi del nuovo “Everyday Demons” e carichi al punto giusto che scaldano la serata con quarantacinque minuti di buon hard rock dove si nota la somiglianza della voce del cantante Cormac Neeson con quella di Robert Plan. Bravi, e speriamo che il futuro riservi buoni propositi per questo gruppo.


Cambio palco, sistemazione di rito per la buona riuscita dello show ed ecco l’ intro di “Rock n roll train” dove Angus conduce il treno del rock n roll appunto accerchiato da belle diavolette…


Impatto inevitabile e via col rock, “Hell ain’t a bad place to be”, la storica “ Back in Black”che scatena il pogo, suonata poi dall’ ultimo album “Big Jack”, e successivamente un micidiale tris d’ assi come direbbe qualcuno, “Dirty Deeds Done Dirt Cheap”, “Shot Down in Flames” e “Thunderstruck”. Grande carica da parte del buon Brian e Angus che incitano la folla spostandosi lungo il grande palco dominato nella prima fase del concerto da un treno enorme. Poi “Black Ice” brano che da il nome all’ ultimo lavoro in studio, “The Jack” dove Angus si spoglia come solito fare, mostrando i boxer con scritto Ac/Dc, pronta la risposta del pubblico. Il buon Phil Rudd dietro le pelli continua con i suoi mitici 4/4 tenendo per quasi tutto il concerto una sigaretta in bocca…


Cala la campana dell’ inferno sulla quale Brian si appende, ma purtroppo non suona con lo storico martello ed e’ quindi tempo di “Hells Bells”, “Shoot to Thrill”, “War Machine” estratta da “Black Ice”. Suonata poi “Anything Goes” pezzo di routine prima della storica “ You shook me all night long” dove vengono proiettate delle graziose fanciulle nei mega schermi che cingono il mastodontico palco, e la devastante “TNT”. Si gonfia in fretta la bambola di “Whole Lotta Rosie” che scatena gli animi dei presenti, quanto si sgonfia in fretta per lasciare il passo a “Let there be Rock”. Piccola pausa prima del gran finale, con “L’ autostrada per l’ Inferno” e poi “Fire !” fuoco ai cannoni del rock con l’ immancabile, purtroppo ultima song della serata “For Those About To Rock”. Bello lo spettacolo generato dai sei mega cannoni posizionati su carelli ammortizzati che sparano a comando di Brian, tanto che qualcuno fa in tempo anche per sobbalzare dallo spavento…C’e’ tempo di illudersi che suonino ancora un bis ma poi si accendono le luci e quindi


non ci resta che sperare di vederli ancora, sicuri di godere ancora una volta di un grandissimo show, duecento milioni di dischi non si vendono a caso…








Nico90


 

Giudizio Voti: 4 - Media: 4.25

Inserisci un commento Vota
Commenti
domePUNK
23 Giu 2009
fantastico!!!!!!!!!!!

Statistiche
Abbiamo 63 recensioni nel nostro database
La più vista: La locanda Delle fate
La più votata: Concerto Monster Magnet

Utenti totali presenti nella sezione Recensioni: 1 (0 Utenti Registrati 1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti visibili sono: 0


Quel gruppo di persone già noto col nome di Rockfm

MKPortal ©2003-2008 mkportal.it