[ Ott 06, 14:22 ] 104.5: youtube.com/watch?v=dJWnnDE4Fmg
[ Set 30, 16:53 ] beppe: Yuhuu!!!
Area Recensioni

Family Journal -> Concerti Eventi e co -> Metalfest [ Cerca ]

Metalfest  
zoom
Titolo Metalfest
Descrizione 9/12/08 Rolling Stone Milano
Inviata da Andreo

Primi appuntamento italiano per il Metalfest 2008 ancora una volta al Rolling Stone di Milano, che annuncia band storiche come gli headliner Morbid Angel.  Lo show si apre alle ore diciotto con gli americani Arsis freschi del nuovo “We are the nightmare”, ottima tecnica e buona prestazione che scatena anche un primo pogo. I secondi in scaletta sono i norvegesi Keep of Kalessin autori di un  black metal veloce e a tratti epico, da mettere in evidenza il batterista Vegard Larsen. Pochi minuti ed ecco una belle piu’ importanti black metal, i Marduk. Atmosfere oscure da prassi, e via con i blast beat e le urla infernali Daniel “Mortuus” Rosten in  arte Arioch. Suonati alcuni estratti dall’ ultimo “Rom 5:12” e alcuni brani meno recenti come “Thrones of Rats”.
Alle 20.40 e’ il turno dei canadesi Kataklysm capitanati dal buon Maurizio Iacono che ringrazia il pubblico a piu’ riprese con il suo tipico italiano da emigrato. La band autrice del "Northern Hyperblast", come la formazione stessa definisce il proprio genere infiamma il pubblico meneghino con un’ ora abbondante di death metal, brani tratti dal nuovo “Prevail” e  dai sette masterpiece precedenti. Cambio di batteria ed ecco l’ arrivo di Pete “Commando” Sandoval dietro alle pelli che testa a piu’ riprese la sensibilita’ dei trig. Un boato accoglie la band americana ed ecco un David Vincent in splendida forma che urla a gran voce sulle note di “Rapture” , “Pain Divine”, “ Maze of torment”, “Sworn to the black”. Suonata poi la nuova “Nevermore” che andra’ a far parte del nuovo album in studio del 2009 e via ancora con “Lord of all Fevers”, “Fall from Grace”, “Chapel of Ghouls” dove la band si prende pochi istanti di riposo. Tornati in scena il pubblico acclama “Dawn of the Angry”, “Where the Slime live” , “Blood on my hands” , “Bil Ur Sag”, il buon Vincent manda poi  a quel paese la polizia italiana causa l’ arresto quest’ estate per detenzione illecita di armi. “ Fuck them !”. Immancabile “God of emptiness”  e “ World of shit “ che concludono un concerto perfetto ancora una volta ha testimoniare che la grande musica e’ piu’ viva che mai.

Nico

Giudizio Voti: 2 - Media: 5

Inserisci un commento Vota
Commenti

Statistiche
Abbiamo 63 recensioni nel nostro database
La più vista: La locanda Delle fate
La più votata: Concerto Monster Magnet

Utenti totali presenti nella sezione Recensioni: 2 (1 Utenti Registrati 1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti visibili sono: 1


Quel gruppo di persone già noto col nome di Rockfm

MKPortal ©2003-2008 mkportal.it